.
Annunci online

  rumoridigente [ voci di strada, rumori di gente... ]
         

 
blog iniziato il 31 gennaio 2007
(contatore ShinyStat dal 22/2/07)


Marino Marini

Crea il tuo badge

Sono uno qualunque
che ascolta i rumori
e a volte sente le voci.
Non ho obiettivi
particolarmente importanti e
non pensarci rende più gradevole
la sorpresa di averli raggiunti.
Benvenute/i
in questo non luogo...

(give peace a chance)

###########################



CHE RUMORI? QUALI VOCI?

Diario
:
è la rubrica di base del blog...
pensieri più o meno liberi
e non classificati.

Storie:
racconti e ricordi di storie
mie o di altri illustri sconosciuti.

Il Bancone:
cronache dal
ventre di una Biblioteca.

Musicanti:
note di note e
di noti e meno noti.

Emigrazione:
tracce di emigranti.

Giochi o società:
appunti di attualità
o di attuale quotidianità.

Amenità:
per sorridere.

RACCONTO:
scriviamo insieme
LA storia.

DISEGNINI:
scarabocchi di un
talento sprecato.

###########################

CONSIGLI PER LA LETTURA:



 

per info più dettagliate visitate il sito:

http://www.viadelcampo.com/

###########################

HO ASCOLTATO DI RECENTE :

UN PO' DI TUTTO E UN PO' DI NIENTE...

###########################

(SONO ANCHE SU MYSPACE 
)

###########################

  

DISCLAIMER:

alcune delle immagini contenute in questo blog sono immagini già pubblicate in internet di cui non ho trovato riferimenti a copyright o di proprietà esclusiva. Se dovessi inavvertitamente pubblicare materiale protetto da copyright non esitate a contattarmi che provvederò immediatamente a rimuoverlo. Inoltre dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e che eventuali commenti dei lettori, considerati lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi alla mia persona, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Questo blog è contro ogni forma di pedofilia e di razzismo.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Se volete citare i miei post, fatelo pure ma per correttezza e per rispetto al seppure minimo sforzo creativo che c’ho messo, vi chiedo di riportare o il nome dell'autore (che sarei io) o l'indirizzo e il link del blog.



 

 


 


2 settembre 2013

STANCHEZZA

Vecia mia, te ne stai lì in quel letto da un pezzo. Tanto di quel tempo che neanche mi ricordo più esattamente quanto. Ma essendo comunque un mucchio di tempo, non fa alcuna differenza, è solo “tanto”.

E non so se te ne rendi conto. Ne hai consapevolezza? Tu lo senti questo scorrere dei giorni e delle notti sempre uguali fino allo sfinimento? A guardarti sembra di no. Mi dicono che non si può sapere. Mi dicono che finché ti lamenti sei viva. Eccolo lì il dolore: secondo loro il dolore, il malessere, la fatica sono sintomi di vita, come se paradossalmente la vita fosse una malattia. Forse lo è, forse siamo sani solo un attimo prima di nascere. Non è forse vero che la prima cosa che facciamo, ancor prima di aprire gli occhi al mondo, è piangere? E la prima cosa che dicono è che va bene, piange perché è vivo!

In realtà non è che ti lamenti tanto. Lo fai quando qualcuno ti tocca per lavarti o per cambiarti, un paio di volte al giorno, non di più. Le tue vecchie ossa sgretolate e rese fragili dall’età e dalle tribolazioni, mal sopportano anche una carezza.

Ti piacevano le carezze vecia mia. Carezze e abbracci. Quante volte abbiamo ballato nel corridoio scivolando sgraziati sul marmo che lucidavi testardamente ogni giorno? Poi le gambe non ne hanno più voluto sapere di reggerti, un po’ per l’osteoporosi e l’artrosi, un po’ per la stanchezza.

Stanchezza. Quante volte in un giorno usiamo impropriamente questa parola? Siamo tutti stanchi di qualcosa o per qualcosa ma non so se sia vera stanchezza oppure solo pigrizia di vivere, noia o insoddisfazione, chissà. Diciamo di essere stanchi e questo sintetizza tutto senza costringerci ad approfondire. Magari scopriremmo che non siamo stanchi ma che abbiamo solo bisogno di spegnere la luce qualche istante, oppure di ascoltare della musica, di regalarci il lusso di sprecare del tempo.

Vecia mia, quando deciderai di spegnere la luce, sono certo, si spegnerà anche un po’ della mia ma la strada la conosco: mi basterà seguire le orme dei nostri passi sul marmo lucido del corridoio.




permalink | inviato da rumoridigente il 2/9/2013 alle 12:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     agosto        ottobre
 







Blog letto 447308 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom